lunedì 26 agosto 2013

Creazione Clelia Vettrici




Creazione  Clelia  Vettrici   per  informazioni   scrivere email   cleliavettrici@virgilio.it  o   lasciare   messaggio  privato.

Creazione Clelia Vettrici




Creazione   Clelia   Vettrici   per informazioni  scrivere email   cleliavettrici@virgilio.it  o  lasciare  messaggio  privato

Creazione Clelia Vettrici




Creazione Clelia  Vettrici   per  informazioni  scrivere email   cleliavettrici@virgilio.it   o   lasciare   messaggio  privato.

Creazione Clelia Vettrici




Creazione    Clelia Vettrici   per informazioni   scrivere email  o  lasciare  messaggio  privato.

Creazione Clelia Vettrici



Creazione Clelia Vettrici  per  informazioni   scrivere email   cleliavettrici@virgilio.it   o  lasciare  messaggio  privato.

Creazione Clelia Vettrici



Creazione  Clelia   Vettrici  per  informazioni   scrivere  email   cleliavettrici@virgilio.it  o  lasciare  messaggio  privato...

venerdì 14 giugno 2013

BIOGRAFIA




Biografia.



Clelia Vettrici was born in Lomas de Zamora, Argentina
When  she  was  fourteen  years  old  she emigrated  with her family to Italy. She began to cross Europe and lived in Neuchâtel ( Switzerland), London and Koln (Germany). In her trips she discovered her  great passion for  all  kind   of art, she  followed several oil painting    with   Maetro  Mario  Bellero  in Italy, she exhibited in :

- SONDRIO
- TIRANO  2003
- FIDEURAM  BANK  
- COLLECTIVE  EXHIBITION    24  MOSTRA   D'ARTE E  ARTIGIANATO   POGGIRIDENTI
   2003
-  COLLECTIVE  EXHIBITION   "  SCARPATETTI  "   SONDRIO  2004
- COLLECTIVE  EXHIBITION "DONATI  COL  CUORE"  2004  SONDRIO
- COLLECTIVE EXHIBITION  VILLA  DI  TIRANO
- FIRST  SOLO  EXHIBITION " SENSAZIONI" MARTINENGO  PALACE  SONDRIO 2004
- SOLO  EXHIBITION  BELLANO 2005
- SOLO  EXHIBITION  COLICO "CARPE DIEM  GALLERY" 2005
- SOLO  EXHIBITION  VALENCE  SOUTH  FRANCE 2005
- SOLO  EXHIBITION   TREVISO'S  LIBRARY 2005
- SOLO  EXHIBITION  LUGANO   SWITZERLAND
-  HONG KONG   COLLECTIVE   EXHIBITION   ARTISTI ITALIANI   "WORLD  TRADE  
   CENTER" 2006
- COMPETITION   "VOTA L'IMMAGINE" BY  L'IMMAGINE SPAZIO ARTE GALLERIA
   ARTE  CREMONA 2006
- COMPETITION   "SOGNO E  REALTA"  BY NEW  ARTEMISIA GALLERY   BERGAMO
   2006
-  COLLECTIVE   EXHIBITION   " COLLEZIONIAMO AIUTI"  UNIVALE  SONDRIO 2006
-  COMPETITION   " OPEN ART  2007  "  ROMA
-   COLLECTIVE   EXHIBITION    VARENNA  2007
-   COLLECTIVE   EXHIBITION   ARTISTI  ITALIANI  MOSCOW  2007
-   SOLO   EXHIBITION      PALACE  HOTEL  BORMIO 2008
-    SOLO   EXHIBITION     MIRAMONTI   PARK  HOTEL   BORMIO 2008
-    SOLO   EXHIBITION     MIRAVALLE HOTEL   SEMOGO  2008
-   SOLO    EXHIBITION     HOTEL  GUFO     BORMIO 2008
-     SOLO   EXHIBITION    HOTEL  STELLA  BORMIO    2008
-     SOLO   EXHIBITION    HOTEL  VALLECHIARA    LOC. CIUK    VALDISOTTO  2006
-      SOLO  EXHIBITION     "CALEIDOSCOPIO "   COMO    ART  CAFE     "I  5  SENSI"  2008
-     COLLECTIVE   EXHIBITION   "CONFIDENZE  PARTENOPEE"    NAPOLI  2008
-     COLLECTIVE   EXHIBITION    "ARTE  FILOSOFIA DI  VITA"  FIRENZE  2008
-      FINALISTA    "  IL  PREMIO   INTERNAZIONALE ARCAISTA "  TARQUINIA 2008
-     COMPETITION   " ARTE  PRET à  PORTER "   ASSOCIAZIONE CULTURALE   HESPERIA
       2008
-     CONCORSO  DI   PITTURA    "  ARTISTI  IN  PIAZZA "  MORBEGNO  2008
-     BIENNALE  D'ARTE  CONTEMPORANEA  (  LECCE )    AREZZO,  BOLOGNA  BUENOS
       AIRES , SONDRIO    2010  -   2011
 
 
-      SOLO  EXHIBITION     TERMARTE    BORMIO    2013
-      COLLECTIVE     EXHIBITION     " CONNUBIO D'EMOZIONI"     IMBRESSAGO   
        LECCO    2013
-      COLLECTIVE   EXHIBITION    (PER  TERREMOTATI  DELL'EMILIA  ROMAGNA)  
        2013
-     COLLECTIVE   EXHIBITION      ONG     SINERGA    ( OSP.. AFRICA)   2013
-     COLLECTIVE    EXHIBITION    VILLA  ARCONATI    MUSIC  FESTIVAL   MONZA 2013
   
-      COLLECTIVE    EXHIBITION    SCARPATETTI    ARTE   SONDRIO  2013



-     HER  PAINTINGS    ARE  IN   PRIVATE  COLLECTIONS:    SWITZERLAND,  ITALY
      FRANCE, AUSTRALIA,  ENGLAND, HOLLAND,  ARGENTINA.

mercoledì 12 giugno 2013

mostra personale Termarte Bormio 2013

bambolotto mostra personale Termarte Bormio 2013

opere mostra personale Termarte Bormio 2013

cataloghi

mostra personale Termarte Bormio 2013 catalogo

mostra personale Termarte Bormio 2013 catalogo artista

mostra personale Termarte Bormio 2013

mostra personale Termarte Bormio 2013

mostra Personale Termarte Bormio 2013

mostra personale Termarte Bormio 2013

le creazioni di Clelia Termarte Bormio 2013

le creazioni di Clelia Termarte Bormio 2013

Euroarte

lavori su vetro mostra personale Termarte Bormio 2013

Euroarte articolo sull'artista

mostra personale Termarte Bormio aprile 2013

mostra personale Termarte Bormio 2013 Principessa Medievale

mostra personale Termarte Bormio 2013

mostra personale Termarte Bormio 2013

collana

collana

collana

collana

collana

gouache nudo di donna

gouache nudo di donna

profilo di donna

bimbo che gioca

astratto

girasole

astratto

astratto

martedì 2 aprile 2013



Review
Faces….more than portraits.

Glances...more than eyes.

Smiles...more than mouths.

Sparkling colour transparencies...more than abstract paintings.

Clelia's thousand and one facets...more than characters.


"Her" mirrors...more than artworks.


Clelia succeeds in giving each of her productions as much affection as impulsiveness, as much strength as control. Because she is energy and vitality.
Full expressions, marked and convincing, occupy very wide and expansive spaces that require to be firmly and safely recognized. And they are looking for a space to exist and be accepted in full together with their founder.
Entire and harmonious convincing lines conjugate themselves in protagonists in face of us, contemplating ourselves, willing to face the world, today and here, to make us meet perceptions we cannot escape... Curious escopic game where the limit to know who is looking at whom gets lost... Is the spectator watching the works... or are the works watching us?
Light, motions, transparencies, volatile structures combine themselves in warm diagonal lines and female undulations expressing spontaneity and extroverted ardent feeling.
Imprints full of matter in the conviction of a passion that sometimes overwhelms and breaks prohibitions. Accompanied by the vigour and the power of their painter, who takes care of the present and is interested in binding herself to the other starting from her creativeness and audacity in the attempt to conquer the public.
Complementary colours, limpid and overwhelming, light up abundantly factions imposing themselves in an impetuous and sincere presence.
Emotional sensitiveness that sometimes hurls and sometimes requires to be thought.
Dynamic fluctuations to meet an anchorage that inevitably dances at an energetic and vital rhythm, which doesn't much respect the imperious limits of the rules. Because Clelia has the flavour of borderlines, but she does not always accepts them. She prefers to be the whirl.
Dimensions that are worked out in layers, lighting up backgrounds and plots simply evoking depth, distances and a particular shape to see reality... impregnated with emotions.
Tenderness and ethereal elements live together with fury and courage, oscillating from coming and going to end up with imposing themselves in front of the frankness of a susceptible and perceptive artist.
Clelia looks for the margins and goes beyond them with a charming ductility and femininity.
Clelia engages with her vital energy, with an enveloping power and an unconditioned strength. Her ideas swarm and wish to get real in art.
Clelia looks for contact, is conscious of her ideals and flows diffusely into each corner of her canvasses with vehemence and frenzy. Clelia embraces the space, with "her" presence.
... And those half open lips subdue, with light smiles that want to say...
... And those penetrating and contemplative glances stare...
... And those thin necks rise, proud of showing faces inviting to be bound to those who are watching them, looking for the present, living the moment... like Clelia who lives giving priority to her topicality and her honesty.
Meticulously worked insinuations in each of her traits, in each of the objects accompanying her creations.
Controlled seduction, which is not going to break eroticism and even this way it generates sensuality.
Rounded physiognomies, with a great aesthetic sense passing through the frame as if they were dancing at the rhythm of the beats of her heart.
Clelia does, feels, gets emotions and, sometimes, thinks. And she succeeds in harmonising dynamically here troubles inner world, submitting it to her premises. She is the mistress of her rules.
Vitality emanating from each fibre and in every stroke.
Air oxygenating each millimetre of her abstractions, with colour shades saturating and lighting up to give curly and voluminous effects.
Stylized, independent, frank figures, thirsting for existence. Eyes, noses, mouths and eyebrows sketched with generosity to guarantee immoderation.
Vertical levels rising up to reach the pint in which Clelia can and want to fly, to feel free and be the founder of her own rules.
Imprints full of autonomy that get real in each creation and explode as a passionate outburst.
Clelia chooses to adorn her creations going beyond a collage and beyond a mixed technique. Because each pendant, each necklace, each buckle or jewel she chooses for her characters bears her own mark, as a signature testifying her birth and identity. This way she takes care of them, she makes them parties of her crossings.
Clelia may have added a kilo of life or a halo of her spirit to each touch of the brush, and in each image a spark of herself is reflected... but it will only be in the convergence of the meeting with her compositions that we discover the enigmatic impetuosity, vigour and nobility of her protagonists.
When Clelia is concluding her works, in a corner of her workshop... she is certainly blowing her breath on them, to give them a piece of her soul as a gift and pass on the charm of her life. It will only be enough to go over them again to be able to discover where her soul and her being are and simply be subdued in front of them.


Lic. Adriana Pérez Pontieri
M.N. 9726
October 2011- Buenos Aires – Argentina








Criticas Comentario de obra de Clelia Vettrici

Más que retratos….son rostros.
Más que ojos…son miradas.
Más que bocas….son sonrisas.
Más que abstractos…son transparencias efervescentes de color.
Más que personajes…son las mil y una facetas de Clelia.

Más que obras…son “sus” espejos.

Clelia logra en cada una de sus producciones transmitir tanto afecto como impulsividad, tanta fuerza como control. Porque ella es energía y vitalidad.
Semblantes plenos, marcados y contundentes, ocupan espacios amplios y expansivos que interpelan a ser reconocidos con firmeza y seguridad. Y buscan un espacio para subsistir y ser aceptados distendidamente junto a su fundadora.
Líneas convincentes, enteras y armónicas se conjugan en protagonistas que nos contemplan de frente, dispuestos a encarar el mundo, hoy y aquí, que nos convocan a un encuentro de percepciones de las que no podemos escapar…. Curioso juego escópico donde se pierde el límite de saber quién mira a quién… ¿es el espectador quién observa las obras….o son las obras quienes nos miran?
Luces, movimientos, traslucencias, texturas volátiles se combinan en diagonales calidas y en ondulaciones femeninas que expresan espontánea y extrovertidamente sentimientos fogosos.
Improntas cargadas de materia con la convicción de una pasión que, a veces desborda y rompe prohibiciones. Acompañadas con la pujanza y potencia de su autora, a quien le importa el presente y a quien le interesa vincularse con el otro desde su creatividad y osadía intentando conquistar a su público.
Colores complementarios, limpios y rebosantes iluminan bondadosamente facciones que se imponen con una presencia impetuosa y sincera.
Sensibilidad emotiva que a veces arremete y otras requiere ser pensada.
Fluctuaciones dinámicas para encontrar un anclaje que, inevitablemente danza al compás de un ritmo enérgico y vital que poco respeta los límites autoritarios de las reglas. Porque Clelia sabe de fronteras pero no siempre las acepta, prefiere ser torbellino.
Dimensiones que son trabajadas en capas, iluminando fondos y entramados que, simplemente evocan profundidades, distancias y una forma particular de ver la realidad…impregnada de emociones.
Lo tierno y etéreo convive con la furia y el coraje, oscilando entre vaivenes que terminan por imponerse ante la franqueza de una artista susceptible y perceptiva.
Clelia busca márgenes y los traspasa, con una ductilidad y femineidad que seduce.
Clelia enfrenta con su energía vital, con una fuerza arrolladora y con una fortaleza sin condiciones. Sus ideas pululan y quieren concretarse en arte.
Clelia busca el contacto, sabe de sus ideales y fluye expandidamente hacia cada rincón de sus telas con vehemencia y frenesí. Clelia abarca el espacio, con “su” presencia
…Y subyugan esos labios entreabiertos, con tenues sonrisas que quieren decir…
…Y se clavan esas miradas penetrantes y contemplativas…
…Y se alzan esos cuellos esbeltos, orgullosos de mostrar rostros que invitan a vincularse directamente con quien los mira, buscando el presente, viviendo el ahora….como Clelia que vive priorizando su actualidad y su honestidad.
Insinuaciones trabajadas minuciosamente en cada uno de sus trazos, en cada uno de los objetos que acompañan a sus creaciones.
Seducción controlada que no se anima a transgredir el erotismo y aún así genera sensualidad.
Fisonomías redondeadas, que con un amplio sentido estético transitan el bastidor como si estuvieran danzando al compás de los latidos de su corazón.
Clelia hace, siente, se emociona y, a veces, piensa. Y así logra armonizar dinámicamente su revoltoso mundo interior, sometiéndolo a sus premisas. Ella es dueña de sus normas.
Vitalidad que emana en cada hebra y en cada rasgo.
Aire que oxigena cada milímetro de sus abstracciones, con matices de color que satura e ilumina para dar efectos ensortijados y voluminosos.
Figuras estilizadas, independientes, francas, ávidas de existencia. Ojos, narices, bocas y cejas delineados con generosidad para garantizar su desenfreno.
Planos verticales que ascienden hasta llegar hasta ése punto dónde Clelia puede y quiere volar, para sentirse libre y fundadora de sus reglas.
Improntas cargadas de autonomía que, se concretan en cada creación y explotan como una estampida apasionada.
Clelia elige adornar sus realizaciones más allá de un collage y más allá de una técnica mixta. Porque cada arete, cada collar, cada hebilla o bijouterie que elige para sus personajes, tienen su impronta, como firma que testimonia su nacimiento e identidad. Así los cuida y valora, así los hace cómplices de sus travesías.
Es posible que Clelia, haya añadido en cada una de sus pinceladas un hilo de vida o un halo de su espíritu y que, en cada imagen se refleje una chispa de sí misma…pero sólo será en la convergencia del encuentro con sus composiciones que descubriremos el enigmático ímpetu, vigor y nobleza de sus protagonistas.
Seguramente Clelia al terminar sus obras y en un rincón de su atelier…las sople con su aliento, para regalarles un trozo de su alma y transmitirle el encanto de su propia esencia. Solo bastará recorrerlas para saber descubrir dónde se aloja la llama de su ser y simplemente, dejarnos subyugar ante ellas.

Lic. Adriana Pérez Pontieri
M.N. 9726
Octubre 2011- Buenos Aires – Argentina






L'ASTRATTISMO MATERICO



Critiche Commento sull'opera di Clelia Vettrici

Più che ritratti….sono volti.
Più che occhi…sono sguardi.
Più che bocche….sono sorrisi.
Più che astratti…sono trasparenze effervescenti di colore.
Più che personaggi…sono le mille e una sfaccettatura di Clelia.

Più che opere…sono i “suoi” specchi.

Clelia riesce a trasmettere, in ciascuna delle sue produzioni, tanto affetto quanto impulsività, tanta forza quanto controllo. Perché lei è energia e vitalità.
Espressioni piene, marcate e convincenti, occupano spazi molto ampi ed espansivi che richiedono di essere riconosciuti con fermezza e sicurezza. E ricercano uno spazio per esistere ed essere accettati distesamente insieme alla loro fondatrice.
Linee convincenti, intere e armoniche si coniugano in protagoniste che ci contemplano di fronte, disposte ad affrontare il mondo, oggi e qui, che ci convocano a un incontro di percezioni alle quali non possiamo sfuggire... Curioso gioco escopico dove si perde il limite di sapere chi guarda chi... è lo spettatore che osserva le opere... o sono le opere che ci osservano?
Luce, movimenti, trasparenze, strutture volatili si combinano in diagonali calde e in ondulazioni femminili che esprimono spontaneità ed estroversamente sentimenti focosi.
Impronte cariche di materia nella convinzione di una passione che talvolta trabocca e spezza le proibizioni. Accompagnate dal vigore e dalla potenza della loro autrice, alla quale importa il presente e interessa legarsi all'altro a partire dalla sua creatività e audacia nel tentativo di conquistare il suo pubblico.
Colori complementari, limpidi e traboccanti, illuminano abbondantemente fazioni che si impongono con una presenza impetuosa e sincera.
Sensibilità emotiva che a volte si scaglia e altre richiede di essere pensata.
Fluttuazioni dinamiche per incontrare un ancoraggio che, inevitabilmente, danza al tempo di un ritmo energico e vitale, che poco rispetta i limiti autoritari delle regole. Perché Clelia sa di frontiere, ma non sempre le accetta, preferisce essere il vortice.
Dimensioni che sono lavorate a strati, illuminando sfondi e trame che evocano semplicemente profondità, distanze e una forma particolare di vedere la realtà... impregnata di emozioni.
Il tenero e l'etereo convivono con la furia e il coraggio, oscillando tra viavai che finiscono per imporsi innanzi alla franchezza di un’artista suscettibile e percettiva.
Clelia cerca margini e li supera, con una duttilità e femminilità che seduce.
Clelia affronta con la sua energia vitale, con una forza avvolgente e con una fortezza incondizionata. Le sue idee brulicano e desiderano concretizzarsi nell'arte.
Clelia cerca il contatto, sa dei suoi ideali e fluisce diffusamente fino a ogni angolo delle sue tele con veemenza e frenesia. Clelia abbraccia lo spazio, con la "sua" presenza.
... E soggiogano quelle labbra semiaperte, con tenui sorrisi che vogliono dire...
... E si fissano quegli sguardi penetranti e contemplatori...
... E si alzano quei colli, snelli, orgogliosi di mostrare volti che invitano a legarsi direttamente con chi li guarda, cercando il presente, vivendo il momento... come Clelia che vive dando priorità alla sua attualità e alla sua onestà.
Insinuazioni lavorate minuziosamente in ciascuno dei suoi tratti, in ciascuno degli oggetti che accompagnano le sue creazioni.
Seduzione controllata, che non intende trasgredire l'erotismo e anche così genera sensualità.
Fisionomie arrotondate, che con un grande senso estetico passano per il telaio come se stessero danzando al ritmo dei battiti del suo cuore.
Clelia fa, sente, si emoziona e, a volte, pensa. E così riesce ad armonizzare dinamicamente il suo irrequieto mondo interiore, sottomettendolo alle sue premesse. Lei è padrona delle sue norme.
Vitalità che emana da ogni fibra e in ogni tratto.
Aria che ossigena ogni millimetro delle sue astrazioni, con sfumature di colore che satura e illumina per dare effetti arricciati e voluminosi.
Figure stilizzate, indipendenti, franche, avide di esistenza. Occhi, nasi, bocche e sopracciglia delineati con generosità per garantirne la sregolatezza.
Piani verticali che ascendono fino a raggiungere il punto in cui Clelia può e vuole volare, per sentirsi libera e fondatrice delle sue regole.
Impronte cariche di autonomia che si concretizzano in ogni creazione ed esplodono come uno scoppio appassionato.
Clelia sceglie di adornare le sue realizzazioni andando al di là di un collage e al di là di una tecnica mista. Perché ogni pendente, ogni collana, ogni fibbia o gioiello che sceglie per i suoi personaggi, porta la sua impronta, come firma che testimonia la sua nascita e identità. Così li cura e valorizza, così li rende complici delle sue traversate.
È possibile che Clelia abbia aggiunto in ciascuna delle sue pennellate un chilo di vita o un alone del suo spirito e che, in ogni immagine, si rifletta una favilla di se stessa... ma sarà solo nella convergenza dell'incontro con le sue composizioni che scopriremo l'enigmatico impeto, vigore e nobiltà delle sue protagoniste.
Sicuramente Clelia, quando sta per concludere le sue opere e in un angolo del suo laboratorio... le soffia con il suo alito, per regalare loro un pezzo della sua anima e trasmettervi l'incanto della sua esistenza. Basterà soltanto ripercorrerle per saper scoprire dove si trova la sua anima e il suo essere e semplicemente lasciarci soggiogare dinanzi a loro.

Lic. Adriana Pérez Pontieri
M.N. 9726
Ottobre 2011- Buenos Aires – Argentina



L'ASTRATTISMO MATERICO


Quello che oggi ci presenta Clelia Vettrici nelle sue opere è un astrattismo suadente e caloroso, dov'è presente il dialogo della materia. Abbiamo già avuto modo di parlare di questa artista che nella pittura è ormai un nome affermato e che con la indifferenza e sapienza dipinge anche la realtà, tanto per chiarire all'ignaro visitatore che non si diventa pittori astratti improvvisamente alzandosi un bel mattino, ma che per esserlo veramente bisogna aver attraversato un lungo periodo di verifiche e di struggimenti interiori, che bisogna conoscere bene la storia dell'arte, dai segni nelle caverne dell'uomo primitivo ai gesti isterici di Pollock e agli agglomerati graffianti di Fautrier. Non è assolutamente vero che "astratto" voglia dire solo " non concreto", cioè qualcosa che non è riconoscibile e comparabile con le cosa che abbiamo attorno a noi. Anche nel caso della "pittura astratta" bisogna far riferimento alla cultura, alla buona fede e alla serietà dell'artista che la esegue e alla "reazione inreriore" che quest'opera riesce a suscitare . Nelle nuove opere di questa artista esuberanti espressioni del segno manifestano sull'emozione della tela e infondono un'abbagliante e intensa reazione visiva nell'inconscio dell'osservatore, nel quale provocano una prorompente percezione visiva , un vero e proprio elogio alla materia e al graffiante impeto che diventa l'asse portante della sperimentazione di Clelia Vettrici, che si riscontra nel predominio segnico, nell'irruenza del gesto e nella passionalità del colore, quasi sempre pastello, mai acceso né volgare. Siamo di fronte ad un " espressionismo astratto" incentrato sull'aspetto dell'azione, dell'agire libero e intraprendente, svincolato da forme e regole precostituite . L'arte della Vettrici diventa così esperienza vitale a la sua pittura viene considerata nel suo aspetto gestuale, come nel caso dell'action painting o pittura d'azione, nella quale vigorose pennellate lasciate con gesti decisi definiscono con pochi segni lo spazio pittorico. Ecco come l'astrattismo materico di questa originale artista è capace di esaltare le capacità espressive del segno e della " pasta pittorica " dei blu, dei gialli e rosa, dei volteggi dorati che sembrano meteore nel firmamento, dei bisticci tancrediani dove i colori si mescolano lievi tra loro, dei panneggi fioriti, dei laghetti verdi e viola, delle ombre chiare ed evanescenti diluite su certe opere. Acquistare opere di Clelia Vettrici deve essere facile come respirare, piacevole come una carezza ricevuta dalla persona amata e perché in esse c'è l'alito di un vento nuovo che nobilita la pittura spontanea e genuina.

Dottor Eraldo Di Vita








LE VIBRAZIONI CROMATICHE DI CLELIA VETTRICI
Clelia Vettrici passa dal figurativo all’astratto con la stessa facilità con cui si sono affermati i gli artisti più famosi e le sue ultime opere racchiudono una pulsionalità gestuale che, senza perdere di vista la natura, si fa puro piacere della materia pittorica e, con più passaggi di piccole pennellate sovrapposte, che spesso danno luogo a richiami reali (un fiore, un ramoscello o alghe marine), seguono un linguaggio segnico sempre più codificato e consapevole.
I vari passaggi dell’arte di Clelia Vettrici devono essere percorsi analiticamente: la natura umana (volti) e quella vegetale (paesaggi) adesso inquadrati a distanza ravvicinata (come col microscopio) tanto da occludere l’orizzonte e negare allo sguardo qualsiasi profondità o spazialità ulteriore.
La natura di questa artista diventa muraglia, confine, superficie assoluta di colori sfrangiati, di tocco, di pennellata e vibrazioni cromatiche.
Quello di Clelia Vettrici è un astrattismo concettuale che si avvicina alla “land art” e che cerca insistentemente una ritmina di superficie che le consenta di conferire una vibrazione unitaria ad ogni singola opera. Una tessitura, insomma, in cui possa ben dispiegarsi la forza del suo gesto, tutta l’intensità della vibrazioni cromatiche, tutta l’incisività del segno che tende ad addensarsi sempre di più a riempire ogni vuoto sulla superficie, dove l’immagine è sempre pronta a riaffiorare, perché il vero artista non si ferma mai sui risultati acquisiti.
Eraldo Di Vita





CLELIA VETTRICI

Clelia Vettrici nasce in Argentina e arriva in Italia all'età di quattordici
anni. Incomincia a dipingere molto presto riferendosi alle sue esperienze
ed ai numerosi viaggi per il momdo.
Ha partecipato a svariate mostre personali e collettive, in Italia e all'estero,
ha conseguito premi e riconoscimenti e le sue opere si trovano in collezioni pubbliche e private.


IL NEOFIGURATIVISMO DI CLELIA VETTRICI

Il modo di lavorare di Clelia Vettrici e quello del neofigurativismo (movimento
contro l'estetica istituzionale e il formalismo) e della
pittura materica, un sistema sprizzante energie insolite.
Le sue superfici dipinte hanno lo spessore del bassorilievo, il colore è denso
e grumoso e crea fisiche suggestioni materiche e chiaroscurali.
Le immagini della Vettrici sono dinamiche architetture, ora astratte ora umane,
sempre arricchite da elementi scultorei estranei, come
orecchini, collane e ninnoli vari.
Questa artista, attraverso l'arte, ci restituisce ogni sua esperienza umana,
sia quella vissuta fino a 14 anni in Argentina ,sia con i suoi numerosi viaggi per il mondo.
Il suo linguaggio artistico è eclettico, lei sperimenta ogni angolo del'arte,
da quella materica e concettuale, all'astrattismo, approdando verso un proprio
stile, una propria realtà espressiva.
Soprattutto i "Volti" hanno una connotazione del tutto personale, dove
neofigurativismo si esalta in morfologie fantastiche e visionarie.
Un tempo avevo paragonato i suoi volti ai "dessins a boire" di Amedeo Modigliani, quelli
che il pittore livornese tracciava su di un taccuino in giro per Montmartre ad
elemosinare un bicchiere di alcool in cambio di un disegno.
Allora quei disegni sembravano scombinati e morfologicamente imprecisi e si è
capito molto più tardi la bellezza e l'importanza di quelle improvvisazioni.
Clelia Vettrici, nel tracciare i suoi "volti" non si cura delle anatomie, guidata com'è
dal sentimento e da quello che prova in quel momento, mentre dipinge. Quei "volti"
potrebbero sembrare delle caricature, allo sprovveduto visitatore, ma non è così
perchè l'importanza di queste figure sta nell'introspezione delle emozioni della
pittrice che li crea. Quei volti sono tante Clelia Vettrici, nei suoi particolari
momenti di donna e di artista.
Eraldo Di Vita




Se  è  vero  che  un  artista propone  se  stesso  nelle  sue  opere, Clelia Vettrici  coglie  perfettamente  nel  segno. Personaggio  stravagante, estroverso, solare  riesce a   riprodurre  nella  violenza  cromatica  dei  suoi  dipinti la  voglia quasi  carnale  ed ossessiva di  vivere, vivere  all'interno  dei  suoi   fiori  spesso  simili   a teste di medusa, sinuosi,  provocanti, avvolti   su se  stessi  quasi  fossero spire  animate. Riesce ad essere inquietante  perfino  nei   suoi  tramonti marini espessi in un  non definito stile fra l'impressionismo e  l'espressionismo, saturi di  iridescenze  violacee   contrapposte  provocatoriamente  ad  esplosioni materiche  di  rossi e gialli  spatolati  nelle  loro  tonalità  primarie. Clelia  non  accetta  imposizioni dettate   dalle  regole o da  canoni  pittorici di  maniera, esce dagli  schemi e  libera  se  stessa quasi con  violenza buttandosi sulle  tele con  atteggiamento si  sfida verso il  mondo che la  circonda e nel  quale lei si sente compresssa  e lomitata  dalle infinite  regole che  vigono  nella  società umana.
Occorre  leggere  le  opere di  Clelia entrando in esse  per capire  il  suo  io  interiore oppure  al  contrario  conoscere Clelia per entrare nelle  sue opere.

Mario  Bellero   Maestro  di  pittura



I  dipinti  di Clelia  Vettrici toccano  con  poesia, con  felicità   e con  sentimento  fiabesco le  corde  ora  della  pittura naive, ora  dell'espressionismo, ora dell'astrrattismo.  C'è  molta  gioia di  vivere e  tutto  quello che  Vettrici esprime  con la  sua  pittura reca costantemente il  timbro e lo  stupore  di un  sogno.

Dottor  Pietro Paci

 

 Clelia  Vettrici  e la poesia del  ritratto.
 
Sono  rimasto  colpito  da un'opera  dipinta da Clelia Vettrici.  Il  titolo è: " Maudune ",che  è  il  ritratto  di una  ragazza, tutta  azzurra, dall'abito al  cappello, agli occhi  a  mandorla.  Il  collo lungo  e  sottile mi trasporta di  colpo a  Montmartre e  l'assonanza di  "Modine" con "Modi" ( Peintre  Maudit - Pittore  maledetto )  mi  mette  immediatamente in agitazione. Penso  subito  ai  ritratti  di  Amedeo Modigliani, a  quei volti ovali, a quei colli   di  cigno e la  similitudine con  i  ritratti  di  Clelia  è  fatta .  I  ritratti  della Vettrici, come " Maudine ", "Cleo", "Donna  Flores", e "Haruyo", assomigliano a "Jeanne  Hebuterne", "Lunia  Czechowska", "Beatrice  Hastings", e  "Elvira"  di  Amedeo  Modigliani. Mi  si  consenta  questo  audace accostamento anche  per  dimostrare il  fatto   che  in  arte il  cerchio  si  chiude sempre in  bellezza:  Modigliani  aveva assorbito dalle  scritture africane   e la  Vettrici ha  assimilato  inconsciamente le  matrici  semplici ed elegantio  di  Maudi.
L'impostazione artistica  di Clelia Vettrici  sfugge da ogni  dibattito  estetico. I  suoi   ritratti  non  derivano da  una  problematica  formale  ma,  per la  loro  dolcezza  quasi  fanciullesca, da un'interpretazione  poetica dell'arte.  Semmai  la pittura  di questa  artista   si può  leggere  come le poesie  di  Baudelaire, tratta dalla  sua  Antologia:" Spleen et ideal".
La semplicità dei  tratti  e del  colore  denotano  una visione poetica  da rassentare  il  naif ( come del  resto era stato rimproverato  a Modigliani) ma   essi  dimostrano   un  segno  fluido, libero  e un  cromatismo  contenuto,  mai  volgare, moderno.  Le superfici  pittoriche  non  vengono  completamente  intrise  di  colore,  cosicché  il  fondo  del  supporto ( masonite, carta o  tela) resta  quasi  trasparente , chiarendo esattamente  dove  comincia e  dove  finisce  l'opera .   Il  ritratto  è  considerato  l'origine  stessa  della pittura  sui  muri  delle  grotte   dei  nostri  progenitori  , quelli  della  mitica  preistoria  e resta l'elemento  come mezzo  per avere  davanti  agli occhi   qualcosa   che è  lontano, facendola  derivare,   in  ultima analisi,  dall'amore  e dal  bisogno  di  conforto. Il  ritratto  può  essere  dunque  considerato  una  tipologia   pittorica   in  cui  due  esseri  umani  si   fondono   tra  loro  per sempre  ( l'artista e  il  modello ).  Ogni  ritratto  ci parla  in  ugual  misura   del pittore  che  lo esegue  e della  persona  rappresentata.   Nella  Vettrici  questo   atto  di  fusione   sembra  particolarmente  evidente.  Essa  ha  sviluppato  una  serie   di  tratti   stilistici   personali ed  è riconoscibile  tra  mille. Questo  e  tante altre  cose  ancora   sono  sufficienti   a   collocare  Clelia  vettrici   nell'Olimpo  delle  artiste   moderne.

Dottor  Eraldo  Di  Vita.

 
 
 

 




 

 

 
 




















sabato 23 marzo 2013



Creazioni Clelia.

Creazioni Clelia.


Creazioni Clelia.


Creazioni Clelia.



Creazioni Clelia.


Creazioni Clelia.

Creazioni Clelia.


Creazioni Clelia.


Creazioni Clelia.



Creazioni Clelia.
 



      

Creazioni Clelia.

 
 

Biennale D'Arte   Contemporanea Palazzo Martinengo Sondrio 2011.